mercoledì 18 ottobre 2017

La serie della letteratura giapponese ~ 61 ~


Due foto degli ufficiali militari


Makura no Soushi (61)

~ Il primo saggio in Giappone, scritto da Sei Shonagon ~

Il testo (60)
Il paragrafo dal 47 al 52 è saltato.

Cinquantatreesimo paragrafo

È molto interessante la scena di Nataimen (l’appello nominale (1),) al palazzo. Normalmente i nobili di alta classe si presentano schiamazzando, e noi donne ascoltiamo con molta attenzione quando loro nome è chiamato. Se una donna senti la voce del suo amante a questo momento, potrebbe essere agitata furtivamente.

Poi, come si sentirà quando suona la voce dell’uomo che freddamente non ha fatto sapere le sue notizie per lungo tempo?

E noi ancelle giudichiamo ciascuna la loro voce dicendo:

“Il modo di presentarsi è simpatico.”

“No no, è male.”

“Che brutta voce!” E cosi via.

È tanto divertente per noi.

Quando i nobili di alta classe hanno finito di presentarsi, comincia l’appello nominale per gli ufficiali militari. Loro scendono nel giardino suonando la corda ad un arco col rumore delle scarpe. Allora, un Kuroudo appare alla ringhiera della scala nel palazzo imperiale e ci si inginocchiando e rivolgendo lo sguardo verso la direzione dove sta l’imperatore e chiama il nome d’ogni ufficiale. Questa maniera è anche interessante.

N.B

(1)  Questo appello nominale comincia circa alle dieci di sera per i nobili e gli ufficiali militari che fanno il servizio notturno per l’imperatore.

domenica 15 ottobre 2017

La serie della letteratura giapponese ~ 60 ~


Le altre due viste autunnali a KYoto


Makura no Soushi (60)

~ Il primo saggio in Giappone, scritto da Sei Shonagon ~

Il testo (59)

Quarantesimo sesto paragrafo (4)

Dopo che la coppia imperiale è andata via, io e la mia collega parlavamo della loro bellezza imparagonabile. Mentre chiacchieravamo cosi, mi sono accorta una figura nerastra in un poco spazio fra il paravento e l’avvolgibile. Io pero, non ne ho pagato l’attenzione pensando che ci fosse un Kuroudo e continuato a parlare con la mia collega. A questo momento, si vedeva la faccia sorridente di là.

Questa non era di Kuroudo!

Sono sorpresa molto e mi sono nascosta subito dietro il mio paravento e furtivamente l’ho guardato bene di nuovo. Allora era Yukinari. Mi è dispiaciuto tanto che lui mi ha osservato proprio. Invece lui non ha visto la mia collega perché lei è stata dirimpetto a me.

E lui si è apparso da dove si nascondeva e ha detto:

“Vi ho vista tutto!”

Ho risposto:

“Mi sono stata convinta che ci fosse Kuroudo. Di lui, non m’interesse niente se sia vista o no. Ma voi che avete detto di non guardarmi, come mai avete rotto questa promessa?”

Yukinari ha detto:

“Si dice che la donna è la più bella quando è appena svegliata. Io quindi, sono andato a vedere la faccia di una ancella, e poi, pensando che ci sia qualche possibilità di vedere anche la vostra, ci sono venuto. Io sono già stato qui da quando l’imperatore c’era. Voi non avete notato la mia presenza?”


E dopo di che, lui è cominciato ad entrare nella mia cameretta passando sotto l’avvolgibile ogni tanto. 

(N.B:

Come ho già spiegato, in questo periodo, la donna nobile non faceva vedere la sua faccia agli uomini facilmente. Perciò, alcuni studiosi dicono che Shonagon e Yukinari sono diventati amanti ma, non ci sono i documenti storici per avvalorare il fatto. Comunque, si suppone che Shonagon è dieci anni di più a Yukinari.)

mercoledì 11 ottobre 2017

La serie della letteratura giapponese ~ 59 ~


Due viste autunnali a Kyoto (non c'entra al contenuto del racconto)


Makura no Soushi (59)

~ Il primo saggio in Giappone, scritto da Sei Shonagon ~

Il testo (58)

Quarantesimo sesto paragrafo (3)

Io quindi, gli ho consigliato dicendo:

“Ma voi dovrete avere un po’ più di flessibilità. Sarà meglio trattare tutte le cose secondo il tempo e la necessità, senza essere troppo ostinato.”

Lui pero, mi ha risposto:

“Questo è proprio il mio carattere che è non cambiabile ormai. Non siete d’accordo?”

Allora io ho detto:

“Ma si dice, in un proverbio, di non esitare a modificare. Come voi lo interpretate?”

Yukinari ha riso come se avesse perso un punto e detto:

“Comunque, noi siamo amici e tutti ne sanno già, è vero?   Allora, voi magari mi fate vedere la vostra faccia. C’incontriamo senza nessuna barriera.”

Io ho risposto:

“No, no! Sono veramente brutta. Un giorno voi avete detto che non potrete amare mai la donna brutta.”

Yukinari ha detto:

“Ah sì! Allora, non mi fate vedere la vostra faccia, per non perdere la nostra amicizia.”

E dopo, se caso mai ci sia qualche occasione di vedermi direttamente, lui, coprendo i suoi occhi con una manica, non mi ha mai visto. Ho capito quindi, che lui non è un bugiardo.

Tuttavia, è successo un accidente come seguente:

Un buon mattino di marzo, quando io dormivo insieme una mia collega in una cameretta, sono apparsi l’imperatore e l’imperatrice improvvisamente.

Noi due eravamo confuse e, perdendo la testa, non potevamo salutarli bene. Ma loro due ci sono entrati ridendo e hanno cominciato a guardare il posto vicino a cameretta, in cui i cortigiani entravano e uscivano. Fra di loro, c’erano alcuni che s’avvicinavano a noi per parlare senza sapendo la presenza dell’imperatore e l’imperatrice.  L’imperatore ci ha ordinato di non dire niente a loro con sorriso. E dopo aver guardato la scena di quel posto, lui e lei sono andati via. Ma prima di partire, mi hanno chiesto di accompagnarli, pero, noi due abbiamo risposto:

“Adesso noi non siamo vestite e truccate bene. Ci andremo fra poco, dopo averci sistemato.”


E cosi, non abbiamo seguito a loro immediatamente. 

domenica 8 ottobre 2017

La serie della letteratura giapponese ~ 58 ~


Due foto dell'ex-palazzo imperiale sotto l'acero rosso

Makura no Soushi (58).

~ Il primo saggio in Giappone, scritto da Sei Shonagon ~

Il testo (57)

Quarantesimo sesto paragrafo (2)

Io pero, conoscendo l’intelligenza sua, dico all’imperatrice, che lui Yukinari non è l’uomo mediocre e l’imperatrice stessa ne sa bene.

Per questo, Yukinari mi dice sempre come un ritornello:

“La donna trucca per quello che l'ama. Invece l’uomo può morire per chi conosce bene il suo valore reale.”

E noi due, stimando l’abilità reciproca implicitamente, abbiamo giurato l’amicizia. Ma, le ancelle giovani che dicono quello che pensano francamente parlano male di lui dicendo:

“Signor Yukinari non è un uomo simpatico e poco socievole e neanche interessante. Perché lui non si diverte mai, per esempio recitando Waka, e sta sempre molto serio con noi.”

Da una parte, Yukinari non fa compagnia alle varie ancelle uniformemente e dice sempre:
“Io amerei la donna che ha bella voce e la linea del collo elegante, anche se lei abbia gli occhi verticali e il naso orizzontale sulla faccia. Dicendo verità pero, sarà difficile amare quella troppo brutta per me.”

Questo modo di dire suo ha fatto arrabbiare molto l’ancella giovane che non ha la linea del collo tanto elegante e lei, pensandolo grave nemico, parla male di lui non solo alla sua collega ma anche fino all’imperatrice.

Quando lui visita ufficialmente l’imperatrice, mi designa sempre per chiedermi l’intervento e all’occasione della mia assenza per le ferie, mi manda la lettera o anzi, anche direttamente visita mia casa e dice al mio servo:

“Se la tua signora ancora non ha intenzione di venire al palazzo imperiale, tu dici a lei che il capo Kuroudo l’aspetta.”

E quando io gli dico che lui potrà chiedere magari l’intervento all’altra ancella, lui non mi ascolta mai.

mercoledì 4 ottobre 2017

La serie della letteratura giapponese ~ 57 ~


Due foto dell'ex-palazzo imperiale in KYoto


Makura no Soushi (57)

~ Il primo saggio in Giappone, scritto da Sei Shonagon ~

Il testo (56)

Quarantesimo sesto paragrafo (1)

(Paragrafo 41,42,43,44,45 sono saltati)

Vicino alla porta del lato ovest di Shiki no Mizoushi (una residenza nel palazzo imperiale, dove è stata l’imperatrice), il signor Fujiwara no Yukinari (1) è stato parlando con una ancella per lungo tempo. Io quindi, gli ho chiesto apposta (2):

“Chi è che sta lì?”

“Sono Ben (3) che è venuto per rendere omaggio a voi.”

Cosi, ha risposto anche lui in modo troppo formale di proposito.

Allora io ho detto con scherzo:

“Perché state con lei cosi amichevole? Se ci venga il vostro superiore, lei potrebbe lasciarvi subito (per parlare con il superiore).”

Yukinari ha riso molto e detto:

“Ma, chi v’ha detto questa cosa?  Comunque, adesso io le sto chiedendo di non farne.”

Yukinari è un nobile che non salva le apparenze per darsi delle arie, non dimostra la galanteria e fa finta di essere un uomo ordinario. Le mie colleghe quindi, lo credono proprio di tale tipo.

(1) Fujiwara no Yukinari è un nobile che era il capo di Kuroudo (consultate per favore “La serie della letteratura giapponese ~ 7 ~”), poi anche è stato contemporaneamente il vicecapo nel ufficio di Ben.  Questo era l’organizzazione importante nel governo, che si occupava negli affari generali e diviso in sinistra e destra, e ognuno ha competenza su quattro ministri, perché allora ce n’erano otto ministri in totale, perciò ogni quattro ministri appartenevano a Ben sinistra e poi a quello destra. Yukinari era il vicecapo nel ufficio di Ben sinistra. Poi, essendo il capo di Kuroudo, lui era addetto al collegamento fra l’imperatore e l’imperatrice, ed è dovuto visitare sempre la residenza dell’imperatrice. Poiché Shonagon lo intratteneva rappresentando tutte le ancelle dell’imperatrice, è diventata l’amica sua e loro due scambiavano sempre la conversazione scherzosa.

(2) Per la ragione suddetta, Shonagon ha detto in tale modo apposta.


(3) E Yukinari anche ha risposto cosi intenzionalmente. 

domenica 1 ottobre 2017

La serie della letteratura giapponese ~ 56 ~

La lucciola

La larva di psiche


Makura no Soushi (56)

~ Il primo saggio in Giappone, scritto da Sei Shonagon ~

Il testo (55)

Quarantesimo paragrafo (1)

(Trentanovesimo paragrafo è eliminato.)

Degli insetti, ci sono il grillo del pino, la cicala crepuscolare, la farfalla, il grillo, la locusta e la lucciola.

La larva di psiche è un insetto pietoso. C’è una leggenda che questo insetto è nato fra quella femmina e il diavolo.  La femmina quindi, avendo paura che possa mangiare la persona come fa il suo genitore, l’ha coperto con il vestito povero del diavolo e gli ha detto:

“Tu mi aspetti qui senza muoverti. Io tornerò per prenderti quando soffierà il vento autunnale.”

Poi è scappata via.

Il nuovo nato, non sapendo che la parola della femmina è bugia, comincia a cantare “Ci ci (la parola onomatopeica della voce di questo insetto e in giapponese significa anche il padre foneticamente).” verso alla fine dell’agosto (è autunno, in calendario lunare) con la voce esile.  È poverino!

Nukazukimushi (Nukazuki significa abbassare la testa in giapponese e mushi è l’insetto. Questo insetto appartiene ai coleotteri, col nome scientifico Elateridae, e ha l’abitudine di abbassare la testa facendo un suono, quando uno spinge la sua pancia, perciò si chiama cosi) è un insetto encomiabile. Nonostante che è l’insetto piccolo, mi pare che, avendo deciso di applicarsi alla strada buddista, stia girando dappertutto inchinando. Quando io sento questo piccolo suono nell’angolo della stanza improvvisamente, lo trovo veramente carino.

La mosca è veramente odiosa.  Non c’è nessuno essere brutto altro che questa. Non è un insetto grande ma all’autunno, si ferma ovunque.  Soprattutto, quando si ferma sulla faccia umana, è tanto schifo!

Natsumushi (Natsu significa l’estate e mushi è l’insetto, col nome scientifico Myrmeleontidae e fa l’attività alla sera) è bello e carino. Quando leggo il racconto sotto la luce della lampada, posso vedere che questo vola sulla carta. È molto elegante.


La formica è brutta, ma, è tanto agile quanto può camminare sull’acqua. È interessante.

mercoledì 27 settembre 2017

La serie della letteratura giapponese ~ 55 ~

l'anatra mandarina

l'usignolo


Makura no Soushi (55)

~ Il primo saggio in Giappone, scritto da Sei Shonagon ~

Il testo (54)

Trentottesimo paragrafo (2)

Dopo di che, io servivo all’imperatrice nel palazzo imperiale circa per dieci anni, ma non ho mai sentito la voce dell’usignolo. Nel giardino del palazzo imperiale, ci sono gli alberi di pruno vicino a quelli di bambù, ma è strano! (Perché si credeva tradizionalmente che l’usignolo si ferma sul ramo del pruno.)  Invece, fuori del palazzo imperiale, ogni tanto si trova l’usignolo che canta quasi rumorosamente, fermato sul ramo povero di pruno vicino ad una casa misera del popolo. E poi, non canta alla notte.  Forse sarà dormiglione….. Ma comunque, questo sarà la loro natura, quindi pazienza! Fino alla fine dell’autunno, l’usignolo canta con la voce un po’invecchiata. E la gente lo chiama “mangia l’insetti”.  È brutto nome. Secondo me, non deve cantare fino a questa stagione.  Poiché è chiamato “l’uccello che avvisa la primavera”, deve cantare solo alla primavera. Allora, quanto è meraviglioso e splendido! Mi dispiace che loro cantano fino all’autunno con rimpianto.

Tuttavia, all’estate, quando passo per la zona nord di Kyoto, sento prima di tutto la voce del cuculo, e poi, anche quella dell’usignolo che canta imitando interamente la voce del cuculo.  Sentire la voce di loro due che cantano in coro stando sul ramo dell’albero alto è suggestivo davvero!

Il cuculo, non essendo più una novità ormai (1), è indicibile sia la sua figura sia la sua voce. Cantando un po’ di tempo, la sua voce diventa grande sicurezza e fermandosi di preferenza sull’albero Unohana (una pianta della famiglia sassifraga) o sul mandarino selvatico, e ogni tanto si nasconde e ogni tanto ci fa vedere la sua figura. È l’aria veramente attraente!

Alla notte breve di maggio, io, svegliandomi, provo di sentire la voce del cuculo prima che gli altri la sentono. E all’alba, al di là del buio, si sente la sua voce tanto carina e bella. A questo momento, io sono talmente inebriata che la mia anima vaga nel cielo. Poi, in giugno, il cuculo non canta più. Tutta la cosa che questo uccello fa, è veramente giusta.

Comunque, quello che canta a notte è magnifico tutto quanto, ma è eccezionale il caso del bambino.


(1) Nel periodo antico e medioevo in Giappone, adorare il cuculo è il senso comune. Questo uccello era numero uno come il tema nel mondo di Waka (poesia giapponese consistita di 31 sillabe).  

domenica 24 settembre 2017

La serie della letteratura giapponese ~ 54 ~

Yamadori

La gru


Makura no Soushi (54)

~ Il primo saggio in Giappone, scritto da Sei Shonagon ~

Il testo (53)

Trentottesimo paragrafo (1)

Sugli uccelli:

Il pappagallo, anche se sia portato dal paese estero, è carino.  Ho sentito dire che quest’uccello imita la parola nostra interamente.

Yamadori (l’uccello della famiglia del fagiano), si dice che, vuole stare sempre con i suoi compagni, e si tranquillizza quando guarda la sua figura nello specchio. È carino anche questo. Poi loro dormono il maschio e la femmina individualmente separati da una valle. Poverini!

La gru è maestoso, ma, è magnifico che la loro voce arriva fino al cielo quando cantano.

L’airone è brutto e soprattutto i loro occhi torvi non mi piacciono. Questo uccello pero, non volendo dormire da solo, sempre fa concorrenza per catturare la sua femmina. È divertente!

L’anatra mandarina è piena di cuore, perché alla notte, loro cacciano via tra di loro la brina che è caduta sulle piume del compagno.  

Il piviere è l’uccello molto elegante.

L’usignolo diventa spesso il tema della poesia ed è molto carino non solamente la sua voce ma anche la figura. Tuttavia loro non cantano mai nel palazzo imperiale. È strano! Forse saranno nati nell’ambiente povero e avranno paura del posto nobile?

Un mio conoscente mi ha detto che loro non cantano nel palazzo imperiale, ma, allora, io non ne credevo.

mercoledì 20 settembre 2017

La serie della letteratura giapponese ~ 53 ~

L'albero Yuzuriha

La quercia


Makura no Soushi (53)

~ Il primo saggio in Giappone, scritto da Sei Shonagon ~

Il testo (52)

Trentasettesimo paragrafo (3)

Yuzuriha (1) di cui foglia pende folta e fluente è sensuale e poi, il gambo si vede gaio per il suo colore rosso, anche se non è molto elegante. Questo albero non si vede sempre ai nostri occhi, ma solo al giorno 30 di dicembre diventa popolare. Perché in questo giorno, cioè alla fine dell’anno, si tiene una festa per la gente defunta e la foglia di questo albero si mette sotto il piatto che è preparato per offrire all’anima dei defunti. L’albero un po’ misero!

Tuttavia, si usa anche al fausto evento. Cioè all’occasione della cerimonia per allungare la durata della vita, si utilizza questa foglia per decorare la tavola. Io non capisco tanto bene perché si usa in due occasioni che sono veramente contrari.

Su Waka (la poesia che consiste di 31 sillabe) vecchia, c’è scritto:

“Se mai Yuzuriha diventa rosso all’autunno, io forse potrei dimenticarti.”

È interessante!

La quercia invece, è un albero che ci provoca le varie associazioni di idee.
È l’albero da rispettare perché si crede che ne seda lo spirito della divinità protettrice della foglia.

La palma, che non ha forma speciale, ma, se ne trova l’atmosfera esotica ed è considerato l’albero da piantare nel giardino della persona di alta classe.


(1) Yuzuriha è un albero che appartiene alla famiglia Euphorbiaceae, e ha il nome scientifico “Daphniphyllum macropodum”. È un albero sempreverde e si trova nella zona d’ovest in Giappone oppure anche nell’isola di Corea. Yuzuri significa cedere e Ha è la foglia in giapponese. Poiché cade la foglia vecchia dopo quando la nuova è nata, è nominato cosi. Questo è considerato che è simile al fenomeno come se  i genitori cedessero a loro figli quando sono cresciuti. Perciò la gente, pensando molto fausta questa cosa, ha cominciato a usarlo come l’ornamento per il capodanno, da molto tempo in Giappone. Poi, è superfluo dire che il capodanno, dal tempo vecchio, è stato l’evento più fausto e importante in Giappone. 

domenica 17 settembre 2017

La serie della letteratura giapponese ~ 52 ~

L'albero Asunaro

Il cipesso


Makura no Soushi (52)

~ Il primo saggio in Giappone, scritto da Sei Shonagon ~

Il testo (51)

Trentasettesimo paragrafo (2)

L’acero è un po’ sottile ma, diventando la sua foglia rossastra e allargata solo ad una parte a prima estate, carino. Il fiore anche sembra un po’ insicuro e simili ad un insetto seccato, pero questa figura è anche interessante.

Asunaro (un albero della famiglia del cipresso col nome scientifico Chamaecyparis obtusa) è un albero che non si vede vicino al posto abitato e non si parla tanto. Ma, viene portato spesso il ramo di questo albero dalla gente che è salita al monte Kinpusen (1). Questo nome di Asnaro, si dice che, significa “Domani diventerò al vero cipresso”, ma, come mai è messo questo nome? Perché, la sua forma estetica è tanto rude quanto difficile da toccare. Forse questo sarà l’opinione comune ma, non è verificato.

Nezumochi (un albero della famiglia Tsuge col nome scientifico Buxus Microphylla var, japonica, sempreverde, basso e autogeno alla zona montagnosa) è non da menzionare ma la foglia è carina perché è molto delicata e piccola.

Il castagno è stato sempre il tema di Waka come l’esempio di cui foglia non cade mai.

La quercia con la foglia bianca si trova lontano dal posto abitato e solo si vede la sua foglia quando si tinge il vestito per i nobili di alta classe. Perciò non da menzionare a questo momento, ma, la foglia bianca sembra veramente come se fosse nevicato nonostante che non è inverno. È emozionante.

Comunque, io non voglio dimenticare le cose impressionanti per me, che ho sentito da qualcuno anche se siano piccole cose come le erbe, gli alberi, gli insetti e gli uccelli.

(1) È il nome generico della catena di montagna dal monte Yoshino a Oomine, che si trovano nella provincia Nara. Ma soprattutto, solo una montagna fra queste si chiama Kinpusen che significa il monte sacro d’oro.

Comunque, la zona Yoshino e Oomine è stata considerata un posto molto sacro e solitamente conosciuto come il luogo da fare allenamento ascetico per gli uomini che ricercano la strada giusta per purificarsi dal vecchio tempo.

mercoledì 13 settembre 2017

La serie della letteratura giapponese ~ 51 ~

L'albero di Mayumi

L'albero di grano saraceno


Makura no Soushi (51)

~ Il primo saggio in Giappone, scritto da Sei Shonagon ~

Il testo (50)

Trentasettesimo paragrafo (1)

Fra gli alberi, sono migliori l’acero, l’albero di Giuda e il pino. L’albero di grano saraceno invece, non è tanto elegante ma, interessante. Perché su quest’albero, rimangono ancora le foglie arrossite fra quelli verdi indipendentemente dalla stagione, cioè, quando altri alberi di fiore sono sfiorati.

L’albero Mayumi (un albero della famiglia col nome scientifico “Euonymus alatus”, che è stato usato dal materiale per l’arco dal tempo vecchio), non sarà necessario di menzionare ormai, ma, è bello!

Il vischio, nonostante che non vale la pena di menzionare, pero, ci dà un’impressione un po’ fugace e suggestiva perché deve vivere sempre dimorando nell’altro albero,

Sakaki (un albero sempreverde della famiglia camelia, di cui il ramo e le foglie sono usati per la cerimonia nel tempio scintoista) si usa anche per le danzatrici all’occasione di Kagura (musica e danza sacra che ha luogo nel tempio scintoista). In questo mondo, ci sono tanti tipi d’alberi ma, questo Sakaki, si dice che è cresciuto sempre avanti al tempio scintoista dal tempo vecchio. È strano ma interessante!

Il canforo si trova sempre in gruppo, non mischiato con gli altri alberi. Immaginando la foresta folta di canforo, mi viene un sentimento misterioso, ma la gente ogni tanto esprime il cuore turbato nelle mille maniere per l’amore citando questo albero, perché ci ha mille rami. Ma, chi l’ha contato?


Il cipresso giapponico non cresce vicino ai luoghi abitati. Questo albero si usa dal materiale per la costruzione di alta qualità. Poi a maggio, l’acqua che gocciola dalle foglie di questo albero, sembra che somigli al suono della pioggia. È carino!

domenica 10 settembre 2017

La serie della letteratura giapponese ~ 50 ~


Due foto di Kusudama


Makura no Soushi (50)

~ Il primo saggio in Giappone, scritto da Sei Shonagon ~

Il testo (49)

Trentesimo sesto paragrafo (1)

(N.B: “Trentacinquesimo paragrafo è omesso, perché sono elencati solo i nomi del luogo)

Fra Sekku (consultate per favore “La serie della letteratura giapponese ~ 15 ~ ”) non c’è niente paragonabile a quello di 5 maggio. Soprattutto, è meraviglioso il profumo dell’iris e l’assenzio che si usa in questo giorno abitualmente. Questi due piante si appende sotto la gronda sia del palazzo imperiale sia delle case del popolo.

La scena che ognuno le appende a gara è veramente interessante. Non si vede mai questa scena alle altre feste di Sekku che sono il primo gennaio, 3 marzo, 7 luglio e 9 settembre,

IL giorno in cui si ornamentano queste due piante è opportuno un po’ nuvoloso.  Nel palazzo dell’imperatrice, si dedicano a lei diverse Kusudama (una specie del sacchetto di stoffa che è imbottito delle varie erbe medicinali e aromatiche, e se lo appende sul muro oppure sulla colonna nel giorno 5 maggio come il talismano per la lunga vita e contro l’epidemia) dal reparto del lavoro di cucito. Poiché è l’oggetto da dedicare all’imperatrice, queste Kusudama sono ornamentate dai vari fili colorati nella maniera molto bella.

E noi, le appendiamo sulle due colonne del palazzo. Solitamente, a questo momento si butta via il crisantemo seccato messo nel sacco di seta che era dedicato al 9 settembre nell’anno scorso (perché il 9 settembre è un Sekku di crisantemo). E Kusudama quindi, noi le dobbiamo conservare fino al 9 novembre di quest’anno appese cosi per cambiare col crisantemo, ma, poiché le mie colleghe ne estrano il filo ogni tanto per legare qualche cosa, non si mantengono tanto tempo,

All’ imperatrice si offre il piatto speciale di Sekku e poi, le giovani ancelle si ornamentano con l’iris sia sui capelli sia sul vestito. Questa cosa è l’avvenimento consuetudinario d’ogni anno, perciò non da scrivere particolarmente, pero, è veramente un’abitudine raffinata. Anche il ciliegio fiorisce ogni anno, ma, chi lo trascura? No, nessuno!

I bambini anche girano qua e là schiamazzando per la felicità perché loro sono contenti di essere vestito tanto bello in questo giorno.


Verso al tramonto, il cuculo vola via cantando con una voce sola. Questa scena è anche molto suggestiva. 

mercoledì 6 settembre 2017

La serie della letteratura giapponese ~ 49 ~


Due foto del fiore di paulonia


Makura no Soushi (49)

~ Il primo saggio in Giappone, scritto da Sei Shonagon ~

Il testo (48)

Trentaquattresimo paragrafo (3)

Il fiore di paulonia, soprattutto quado è fiorito in viola, è veramente suggestivo. La sua forma che sembra la mano aperta, invece, non è tanto bella. Ma, comunque, non è il fiore da paragonare con gli altri fiori.  È superiore fra tutti!

Si dice che, in Cina, l’uccello nominato Hoo (1) si fissa su solo questo albero e questo fatto ci dà proprio una impressione meravigliosa. Inoltre, l’albero stesso è considerato il materiale migliore per fabbricare Koto (la cetra orizzontale che è lo strumento tipico allora). E c’inebria per il soave suono questo Koto fatto da paulonia.

Io penso quindi, che non basta di dare lode mediocre a questo strumento. È veramente splendido!

La melia, nonostante che la sua forma non è tanto bella, di qui fiore è elegante.  Ma è un po’ strano quando è fiorito perché sembra quasi seccato. Tuttavia, poiché questo fiorisce sempre al giorno cinque di maggio (2), ha molto valore.  

(1) L’uccello immaginario di buona fortuna, che è stato tramandato in Cina dal vecchio tempo. Si chiama uno dei quattro spiriti fausti (altri tre sono giraffa, drago e tartaruga) e il suo corpo somiglia alla giraffa nella parte anteriore, al daino nella parte posteriore, al serpente nel collo, al pesce nella coda, alla tartaruga nella schiena, alla rondine nella mascella e al gallo nel becco. La penna ha cinque stemmi colorati diversamente come il pavone e la sua voce è molto nobile che adatta ai cinque suoni. Abita nel buco di paulonia, mangia il frutto di bambù e beve l’acqua di fontana sacra. È considerato che appare come il buon pronostico quando il regno dell’imperatore sta molto bene.


(2) Uno dei cinque giorni importanti nell’anno. Da molto tempo, in questo giorno, c’è stato il costume di pendere l’iris e l’assenzio sotto la gronda per cacciare via gli spiriti maligni e dopo il periodo Edo (16031868) è diventato la festa per i bambini maschi ornamentando in casa con le bambole di Samurai. 

sabato 2 settembre 2017

La serie della letteratura giapponese ~ 48 ~


Due foto del fiore di pera


Makura no Soushi (48)

~ Il primo saggio in Giappone, scritto da Sei Shonagon ~

Il testo (47)

Trentaquattresimo paragrafo (2)

Il fiore di pera, la gente, non trovandolo tanto bello, non ammira mettendolo vicino neanche usa come l’ornamento per mandare la lettera (normalmente, in questo periodo, i nobili usavano il ramo di albero di fiore attaccandoci la lettera quando la mandava alla loro amante). Poi, ogni tanto questo fiore si usa per paragonare la donna non tanto bella.

Davvero! Il colore della foglia anche sembra che sia troppo semplice e non suggestivo.

Tuttavia, i cinesi lo ammirano molto e spesso lo usano come il tema della poesia. Io quindi, anche se non se lo considera importante in Giappone, pensando che ci sia un fascino nascosto, l’ho guardato bene.

Allora, ho trovato l’orlo del petalo poco colorato in rosso chiaro. È carino!

E mi ricordo un aneddoto nella dinastia Tang in Cina. Cioè, quando Yang gui-fei (1) ha ricevuto il messaggero dall’imperatore Xuan-zong (2) si è commossa fino alle lacrime. E un poeta ha composto una poesia ammirando la sua bellezza d’allora, come seguente:

“Un ramo di pera è bagnato dalla pioggia a primavera.”

Questo non è l’elogio normale. Considerandone, mi viene pure l’idea che questo fiore merita di essere ammirato.

(1) Una consorte di Xuan-zong, che era conosciuta per la bellezza. Lei era prima la moglie del figlio dell’imperatore, poi dopo, l’imperatore Xuan-zong, essendo affascinato dalla sua bellezza, l’ha rubata da suo figlio. Poiché lei era nelle buone grazie dell’imperatore, tutti i suoi parenti anche hanno fatto una bella carriera e ottenuto il potere a più non potevano.
Per questo, alla fine un suddito si è rivolto e lei era costretta di suicidarsi.
A proposito, in Oriente, la sua bellezza è stata lodata sempre con Cleopatra non potendo dire quale la prima e la seconda.


(2) Il sesto imperatore nella dinastia di Tang in Cina, che è vissuto 685762. Il periodo prima di lui la situazione di Cina era confusissima, ma lui l’ha calmata e ricostruendo l’ordine, ha reso prospero il paese. All’inizio lui era l’imperatore tanto bravo cosi, ma stando l’imperatore per lungo tempo, si è annoiato alla politica e poi, da quando era affascinato da Yang gui-fei, il paese è cominciato a disgregarsi e alla fine, la sua favorita era costretta di suicidarsi e lui stesso anche si è ritirato dal trono imperiale all’anno prossimo.  

mercoledì 30 agosto 2017

La serie della letteratura giapponese ~ 47 ~


Due foto del mandarino selvatico


Makura no Soushi (47)

~ Il primo saggio in Giappone, scritto da Sei Shonagon ~

Il testo (46)

Trentatreesimo paragrafo (3)

Chiacchierando cosi, stava per fare chiaro attorno ed è cominciato a sentirsi la voce della gente che si stava alzando qua e là. Anche la nebbia si stava dissipando.

Allora, l’amante della donna che era andato via prima, le ha mandato un messaggero facendogli portare una lettera dell’amore per lei. Ma questo messaggero, vedendo quell’uomo che stava parlando con lei, non ha potuto gliela consegnare per pudore.  Questa lettera che è attaccata al ramo della lespedeza è profumatissima d’incenso.

L’uomo quindi, sentendosi imbarazzato, è andato via subito ma gli è venuta l’idea d’improvviso che, anche la sua ragazza potrà essere nella stessa situazione come questa donna.

(N.B

Questa descrizione è una scena che può succedere nel palazzo imperiale ogni tanto.  È uno schizzo della vita aristocratica.)

Trentaquattresimo paragrafo (1)

Fra gli alberi da fiore, questo di pruno è il più bello sia colore rosso sia bianco. Il fiore di ciliegio invece, è il più bello quello di colore più intenso, che è fiorito pienamente sul ramo abbastanza sottile. Il glicine è meraviglioso quando è fiorito col grappolo lungo e viola forte.


Dalla fine dell’aprile all’inizio del maggio, il fiore del mandarino selvatico che è fiorito bianco fra le foglie verdi lucide, soprattutto quando è piovuto, è veramente bello e raffinato. Fra i fiori profumatissimi, si vede il frutto come se fosse la palla d’oro. Quest’atmosfera non è veramente inferiore di quella del fiore di ciliegio bagnato dalla rugiada del mattino, che è elogiata da tutti.

Poi, il mandarino selvatico che è stato sempre il tema di Waka da molto tempo come l’albero su cui appoggia il cuculo. È troppo splendido da esprimere con le parole.

(N.B


Dal tempo vecchio, i poeti amavano molto la voce del cuculo e l’albero del mandarino selvatico, considerandolo il simbolo dell’eternità. Perciò queste due cose sono state sempre il tema di Waka molto importante.)

domenica 27 agosto 2017

La serie della letteratura giapponese ~ 46 ~


Due foto di Kicho




Makura no Soushi (46)

~ Il primo saggio in Giappone, scritto da Sei Shonagon ~

Il testo (45)

Trentatreesimo paragrafo (2)

E lui ha trovato una donna che stava dormendo. Lui quindi, pensando che, anche il suo ragazzo appena appena sia andato via, ha continuato a guardarla.

Vicino al suo cuscino, si vedono il ventaglio aperto e alcuni pezzi di carta sparsi attorno di Kicho (una specie di paravento coperto di stoffa, come si vede alla foto di sopra).

La donna, sentendosi dell’aria umana vicina a lei, si è svegliata e ha guardato sopra attraverso la giacca che copriva.  Allora, lei ha visto un uomo che le guardava sorridendo. Non era l’uomo sconosciuto, ma, neanche tanto amichevole per lei. Perciò lei è un po’ indispettita perché era visto il suo stato addormentato.

“Oh! Mi sembra che voi avete ancora rimpianto per il suo ragazzo che già è andato via.”

L’uomo ha detto cosi con il tono da prenderla in giro, sporgendosi un po’ dall’avvolgibile.

La donna ha risposto:

“Mi sento rabbia a colui che è andato via prima di posarsi la rugiada sul fiore.”

Si tratta di qualcosa che non vale la pena di menzionare questo scambio delle parole, ma, non è male il loro comportamento.

L’uomo ha cominciato a tirare il ventaglio vicino al cuscino di donna con il suo, allora, la donna al contrario, pensando che lui si sta avvicinandola, si è ritirata dietro.

L’uomo quindi, con il ventaglio a mano, ha detto facendo finta di rimproverarla leggermente:

“Mi trattate freddamente cosi?”